Retainer per piercing

Piercing retainer

Un piercing retainer in sé non è un vero gioiello, ma un oggetto che viene utilizzato per tenere il foro aperto nel caso tu debba togliere il gioiello dal tuo piercing. Ci sono molti motivi a causa dei quali si è obbligati a togliere un piercing come, per esempio, una risonanza magnetica oppure se hai un lavoro in cui un piercing visibile non è permesso.
Un piercing retainer è solitamente prodotto in PTFE oppure in silicone, poiché dve essere il più invisibile possibile. Per questa ragione sono costruiti in modo che non attirino l'attenzione utilizzando materiali trasparenti oppure colori molto vicini a quelli della pelle.
Poiché i materiali che vengono utilizzati per un retainer sono molto flessibili, raramente essi sono oggetti contenti filettature. La forma più tipica nella quale vengono prodotti è quella ad anello, in modo che non cadano dal foro. È possibile comunque trovarne a forma di anello e con filettatura. La scelta è ampia e tu puoi optare per quello che più si adatta alle tue necessità.

Dove utilizzare un piercing retainer?

Un piercing retainer può essere utilizzato in quasi tutte le parti del corpo. Alcuni gioielli, tuttavia, sono creati apposta per un certo tipo di piercing, pertanto anche il retainer da utilizzare avrà un design specifico come nel caso del piercing alla lingua, del piercing al naso oppure del piercing al labbro.
Altrimenti si può trovare un retainer più versatile a forma di barra curva, che può essere utilizzato in diverse parti del corpo come le sopracciglia, l'ombelico oppure dove normalmente si utilizzerebbe una barra curva come piercing.
Inoltre ci sono retainer anche per la dilatazione, a forma di plug, che hanno un colore molto vicino a quello della pelle. In seguito all'utilizzo di questo plug, uno può chiedersi se la dilatazione sia meno visibile oppure più di prima.

Lascia un Commento